FSE/ESF Forum social européen/European Social Forum - «Un'altra Europa con servizi pubblici per tutti", dichiarazione di Atene , maggio 2006
[FSE/ESF Forum social européen/European Social Forum]
Back to the frontpage
MALMÖ 2008 | ATHENA 2006 | LONDON 2004 | PARIS 2003 | FIRENZE 2002
FSE-ESF - Menu
Prep Process (EPA-AEP)
About ESF 2012
About Istanbul 2010
About Malmö 2008
About Athens 2006
About London 2004
About Paris 2003
About Firenze 2002

Europe on the move
European Conferences/Manifestations
Analysis/ statements for a better world

Social Forums in the World
World Social Forum
Southern Africa Social Forum (SASF)
South Asia Social Forum (SASF)
Mesopotamia Social Forum

European Social Forum Networks
Correos de los movimientos sociales
Public services
Charter // another Europe
Education

Memoria Viva
Tools and contents
Athens 2006 Reports
London 2004 Reports
Paris 2003 Reports
Other docs Paris 2003
Social Movements

FSE-ESF [ACCESS WORKSPACE]
NEW WORKSPACE
OPEN ESF HOMEPAGE

FSE-ESF [MAILING LIST]
ESF-FSE LISTS
- EUROPEAN LIST (fse-esf)
- FRENCH LIST (CIFs)
- ALL THE LISTS

FSE-ESF [SEARCH]
SEARCH IN THE SITE
ADVANCED RESEARCH
 
// European Social Forum Networks // Public services


«Un’altra Europa con servizi pubblici per tutti", dichiarazione di Atene , maggio 2006 [it] | de | en | fr
19 October 2007

At the 4th ESF in Athens, the Network issued a common declaration entitled: «Another Europe with Public Services for all».



 

Atene, 7 maggio 2006

DICHIARAZIONE DI ATENE

UN’ALTRA EUROPA CON SERVIZI PUBBLICI PER TUTTI

PREMESSO

CHE i beni comuni e i servizi pubblici sono un elemento importante della società, in quanto costituiscono uno strumento essenziale per la solidarietà sociale e territoriale, per la redistribuzione della ricchezza sociale, per una società sostenibile e per l’esercizio dei diritti di cittadinanza

CHE con l’affermarsi dagli anni ’80 del modello neoliberista e del "pensiero unico del mercato", i beni comuni e i servizi pubblici sono sottoposti ad un’offensiva che mira a trasformarli in beni economici e in merci che devono obbedire alle leggi del mercato.

CHE da tempo i servizi pubblici sono sotto attacco a tutti i livelli:

a) a livello globale, attraverso il *Gats* (Accordo Generale sul Commercio dei Servizi), sottoscritto dai paesi membri dell’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio). L’accordo prevede la liberalizzazione dei servizi, con l’apertura agli investimenti privati e alla "concorrenza" di 160 settori, fra i quali l’acqua, l’energia, i trasporti, l’istruzione e la sanità. Altri simili accordi bi- e multilaterali tra gli stati come gli Accordi di Partenariato Economico (EPA, /Economic partnership agreement)/ rafforzano ulteriormente questa logica.

b) a livello europeo, a causa delle diverse politiche, che direttamente o indirettamente conducano alla deregolamentazione e che sono promosse dai trattati europei, dalla strategia di Lisbona, dalla maggior parte delle sentenze espresse dalla CGE (la Corte di Giustizia Europea) e dalle varie direttive settoriali e transettoriali, tra le quali il progetto di direttiva Bolkestein è ultimo eclatante esempio.

c) a livello nazionale, attraverso le diverse politiche di riforma del welfare e la modernizzazione realizzate dai vari governi insieme alle scelte economiche che favoriscono - in massima parte - le imprese guidate dal profitto persino nei paesi e nei settori più competitivi; attraverso la promozione dei partenariati pubblico/privati (PPP), che minacciano la proprietà pubblica delle infrastrutture ed il cuore stesso dei servizi pubblici e, ancora, attraverso tagli alle entrate che stanno generando l’erosione delle fondamenta finanziarie dei servizi pubblici.

d) a livello regionale e locale non fornendo i mezzi necessari per permettere ai cittadini ed alle autorità locali di decidere autonomamente come dovrebbero essere organizzati i servizi pubblici.

CHE é un compito di primaria importanza quello di sviluppare un nuovo "Modello Sociale Europeo", nel quale i servizi pubblici costituiscono una parte essenziale, per combattere alle radici la disuguaglianza economica e sociale globale che minaccia la stessa sopravvivenza della maggioranza degli abitanti del pianeta. Per questo fine, le attuali politiche neoliberaliste dell’Unione Europea devono essere rifiutate.

SU QUESTE PREMESSE

NOI, donne e uomini componenti di associazioni, organizzazioni sindacali, movimenti sociali e politici, rappresentanti istituzionali, ci siamo impegnati nella lotta contro le politiche dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e contro l’Accordo Gats, per il ritiro del progetto della Direttiva Bolkestein sui servizi e delle direttive che spingono alla liberalizzazione e alla privatizzazione dei servizi pubblici.

CONSAPEVOLI che, grazie alle mobilitazioni che abbiamo svolto, è stato modificato il progetto della Bolkestein in alcuni dei suoi aspetti essenziali più inaccettabili. Ciò nonostante, riteniamo che il grosso del "compromesso" sia ancora a favore della liberalizzazione nel campo di servizi cruciali all’idea di ’beni comuni’. Per questa ragione continueremo a sfidare l’agenda neoliberale europea.

CONSAPEVOLI della necessità di collegare le nostre esperienze, le nostre conoscenze e le nostre lotte, per contrastare gli attacchi portati avanti dalle elite politiche e finanziarie e dagli interessi affaristici, CONSAPEVOLI del bisogno di allargare la mobilitazione sociale e di sviluppare proposte per contrastare le politiche neoliberiste, CONSAPEVOLI del bisogno di rilanciare dalla base un nuovo spazio pubblico per i diritti sociali e del lavoro, elementi irrinunciabili per un’ Europa sociale e di pace, CONSAPEVOLI del bisogno di fare dei servizi pubblici uno strumento privilegiato per la democrazia e per le politiche sociali ed economiche

ABBIAMO DECISO in questo IV Forum Sociale Europeo di Atene, di confermare il nostro impegno contro i principi del neoliberalismo e di aprire dunque una nuova fase di lotta con l’obiettivo di determinare — sia a livello europeo che nazionale — le condizioni culturali, sociali e anche politico-istituzionali per la definizione e la regolamentazione dei servizi destinati a garantire l’accesso universale ai diritti fondamentali affidati alla responsabilità dei poteri pubblici ed all’amministrazione pubblica, e liberi da qualsiasi logica di liberalizzazione, privatizzazione e/o appropriazione privata delle redite.

A questo scopo, noi quindi decidiamo :

a) di costituirci in una rete europea per i servizi pubblici;

b) di lanciare una campagna per i servizi pubblici in Europa, con obiettivi e pratiche condivise, partendo da un numero di caratteristiche irrinunciabili, quali: universalità, accessibilità, parità di accesso, continuità e qualità del servizio, solidarietà, controllo democratico, partecipazione sociale, occupazione di qualità/diritti del lavoro.

CI IMPEGNAMO, pertanto:

- a sostenere la creazione e lo sviluppo in ogni paese di un Coordinamento nazionale per i servizi pubblici, aperto a tutte le realtà associative e di movimento, alle organizzazioni politiche e sindacali che condividano gli obiettivi della presente dichiarazione, per difendere e rilanciare i servizi pubblici a livello locale, nazionale ed europeo;

- a creare una rete Europea *per i servizi pubblici *basata sulle convergenze Europee dei coordinamenti nazionali e delle diverse reti esistenti, come strumento per la promozione e lo sviluppo di iniziative, mobilitazioni e campagne; (come quella della FSESP presentata al Forum sociale di Atene)

- a sviluppare politiche e strategie alternative per i servizi pubblici;

- a costruire legami attraverso il sostegno diretto, gemellaggi e seminari/workshop a tutti i livelli europei e internazionali

PROPONIAMO subito:

a) di proseguire la nostra mobilitazione europea contro il progetto della direttiva Bolkestein;

b) una riunione a Ginevra (27 ottobre) prima della Convenzione internazionale delle autorità locali per la promozione dei servizi pubblici, il 28 ed il 29 di ottobre, per decidere una giornata di mobilitazione europea, con manifestazioni nazionali e per lavorare sull’agenda neo-liberale Europea e sulle possibili politiche alternative;

c) di convocare il primo Forum Europei dei Movimenti Sociali per i servizi pubblici europei nel 2007.

Sirme (indirizzo athens-sp@ras.eu.org )






 
article au format texte pour impression Print this article
IN THE SAME SECTION

- "HANDS OFF OUR COMMON WELFARE!", CALL OF THE EUROPEAN NETWORK FOR PUBLIC SERVICES at Malmö ESF (en) | en | es | fr
- «Another Europe with Public Services for all», Athens statement, may 2006 (en) | de | en | fr | it
- Présentation du réseau (fr) | es | fr
- Public Services Network meeting - Berlin - 22 february 2008 (en) | en | fr
- Public Services Network meeting - Geneva 3 february 2007 (fr) | fr
- Public Services Network meeting - Lisbon 30 march 2007 (fr) | fr
- Public Services Network meeting - Paris 15 june 2007 (en) | en | fr
- Public services network meeting - Stockholm 14th september 2007 (en) | en | fr
- Reprot from the network’s Berlin meeting (fr) | fr
- Signatories of the Athens statement (en) | en
- 5-6 December 2007 in Brussels : Network meeting about public services in Europe (en) | en | fr
- 25/01/08: Communiqué de presse du collectif SSIG - Services sociaux et de santé d’intérêt général- (fr) | fr
FSE/ESF Forum social européen/European Social Forum
Website built with SPIP, free-software | Hosted by the RAS, Union and Organization Network | CONTACTS | WEBMASTER | FRONT |ADMIN